Il lutto familiare

lutto in famiglia, elaborazione del lutto, lutto familiare, supporto orfani,Lutto in famiglia

“Dopo un lutto che ci colpisce profondamente nulla è più come prima”.

Ognuno vive l’elaborazione della perdita di una persona cara in modo soggettivo. Nella famiglia, intesa come sistema, anche l’interazione dei singoli componenti durante un lutto sviluppa modalità di reazione proprie, uniche e differenti. Ad esempio, in alcuni casi i familiari coinvolti si danno aiuto e sostegno reciproco nell’affrontare i nuovi compiti evolutivi. Altre famiglie invece si bloccano nel proprio dolore e faticano a riorganizzare la propria quotidianità in questa nuova condizione. Altre ancora non ce la fanno a reggere l’evento luttuoso e si disgregano, soprattutto se vi erano difficoltà di relazione preesistenti.

Per agevolare un percorso evolutivo positivo è importante che i componenti della famiglia riescano a esprimere, condividere ed elaborare il trauma emotivo che li ha travolti. Se la famiglia riesce ad affrontare e superare adeguatamente la crisi, i suoi componenti avranno la possibilità di diventare più forti, anche di fronte alle successive prove e difficoltà della vita, sviluppando una maggiore resilienza.

Elaborazione di un lutto familiare: ognuno ha i suoi tempi

Il lutto però è anche un’esperienza intima e personale, che può avere un significato molto diverso per ciascun membro della famiglia e che prevede perciò percorsi individuali interiori differenti. Ognuno infatti vive l’assenza soggettivamente, in base alla propria personalità, alla qualità e profondità del legame che aveva con la persona scomparsa. Soprattutto in base al suo ruolo all’interno della famiglia stessa e al sostegno affettivo che riceve dall’esterno. Acquisire la consapevolezza della molteplicità di questi vissuti è fattore determinante per una maggior comprensione e reciproca solidarietà.

Spesso, per motivi diversi, all’interno delle famiglie, vi è un riserbo eccessivo nel comunicare sentimenti personali profondi. Il lutto in famiglia potrebbe così essere vissuto in solitudine e silenzio. L’esternazione di stati d’animo di sofferenza e di dolore, può infatti essere sentita come una debolezza di cui vergognarsi. A volte, semplicemente viene soffocata per il desiderio di proteggere e di non pesare troppo sui propri cari.

L’aiuto di un professionista nella relazione d’aiuto può essere particolarmente prezioso in queste circostanze. Permette infatti di condividere in un luogo sicuro e protetto il proprio vissuto interiore, stimolando gli altri membri della famiglia a fare lo stesso. La condivisione del dolore, in qualsiasi differente modalità ognuno lo possa sentire ed esprimere, può dare sollievo e può rivelarsi un prezioso aiuto per il proprio percorso di crescita e per quello della famiglia nel suo insieme e nella sua nuova forma.

In quest’area del sito abbiamo raccolto informazioni e linee guida su come gestire il lutto in famiglia, come rispondere a reazioni e bisogni di ogni componente. Clicca qui per leggere i primi suggerimenti…